Scrivania di lavoro di Alberto Acquaro


A nome di chi  D’Alema e Fassino  parlano in TV ?

Firenze, 15 agosto 2008

     Da qualche tempo stanno acquisendo una certa frequenza le dichiarazioni ufficiali di D’Alema e di Fassino in TV.   Quale partecipante alle Primarie del PD,  mi chiedo quale significato si debba attribuire a tale fatto.   Avendo vissuto attivamente tutta la storia della Sinistra antecedente il PD,  mi sento attraversare da un brivido.

     Ormai solamente i più disattenti non sanno che Berlusconi ha costruito e retto la sua lunga fortuna politica su tre solidi pilastri:   Craxi,   D’Alema  e  Bertinotti   (con il puntello di  Diliberto  e compagni).
Quale vecchio militante della Sinistra,  non scorderò mai che nelle Politiche del 1996,  con la segreteria di D’Alema,  il PDS perse il 22.2% dei suoi elettori,  folla che non è mai tornata all’ovile;   non scorderò mai che,  in occasione dell’ultima elezione del Presidente della Repubblica,  Feltri e Ferrara tifavano visibilmente per D’Alema.

     Ebbene,  D’Alema,  con il suo atteggiamento da uomo arguto e superiore,  è ancora lì,  che rilascia interviste,  a nome di chi?   A nome del PD,  che attraverso Primarie ha dato,  con larghissima maggioranza,  mandato al solo Veltroni a rappresentarci?

     Siamo alle solite.   Berlusconi,  che sta preparando la strada per la sua elezione alla presidenza della Repubblica,  potrà ancora contare sul vizio,  di vecchio sapore sovietico,  di D’Alema,  che sta argutamente creando antagonismi suicidi nell’ambito del PD.

Alberto Acquaro


____________________________________________________________________________________






"DANTE 2000" - Scrivania di lavoro di Alberto Acquaro

Sito a cura di Filarete S.r.l.