Scrivania di lavoro di Alberto Acquaro


Ai Democratici di Sinistra



Firenze, 11 aprile 2005


La Rivoluzione del Pensiero in atto


      Alla fine della precedente lettera ho usato l'espressione  "odierna razionalità",  come se la ragione avesse,  oggi,  caratteristiche differenti da quelle che aveva in passato.   Mi rendo conto di dovere una giustificazione;   tenterò di darla in maniera,  possibilmente,  semplice.

      L' evoluzione naturale  procede generalmente con lentezza e continuità,  ma vi sono alcuni momenti in cui essa fa registrare dei  "salti",  dei balzi in avanti,  salutari ma sconvolgenti.   Nei casi in cui tali salti siano rilevanti e riguardino il pensiero umano,  allora parliamo di  "Rivoluzioni del Pensiero".   Si pensi,  ad esempio,  al superamento della  "concezione tolemaica"  dell' Universo, secondo la quale si pensava che questo girasse attorno alla Terra.   Per la mente umana significò una rilevante "variazione di prospettiva",  un possibile mutamento del suo "punto di vista".   Sì,  ogni Rivoluzione del Pensiero è caratterizzata dalla acquisizione  di un nuovo punto di "osservazione" da parte della mente umana.

      Ebbene,  noi stiamo vivendo una  grande  Rivoluzione del Pensiero,  la cui  eccezionalità  è segnata dall'elevata velocità di propagazione dei suoi effetti,  dal fatto che essa è accompagnata da una Rivoluzione sociale  e  dalle dimensioni planetarie del suo campo di azione.
Relativamente,  poi,  ai suoi effetti,  la Rivoluzione del Pensiero in atto riguarda  direttamente  non solamente la ristretta schiera degli intellettuali,  il mondo della ricerca,  ma tocca subito  tutti  gli esseri umani,  anche se pochi di essi ne saranno consapevoli.

      Con riferimento a questo contesto,  si parlava di  "odierna razionalità".   Oggi la mente umana ha la possibilità di usufruire di un altro punto di osservazione.   E' come se,  vivendo in una vasta foresta di cui non riusciamo a cogliere la conformazione,  all'improvviso potessimo sollevarci con un elicottero e distinguere con facilità il suo disegno,  i suoi corsi d'acqua,  i suoi sentieri.

      Servendoci di una metafora,  a mio avviso molto calzante,  l'essere consapevoli di questa nuova possibilità che la Natura ci offre corrisponde alla posizione di vantaggio di chi sa,  con qualche ora di anticipo,  dell'arrivo di uno tsunami,  rispetto a quanti,  ignari,  rimangono sulla spiaggia,  tranquilli sulle loro sdraio.
Chi volesse conoscere alcune possibili argomentazioni sui meccanismi di tale Rivoluzione,  può scaricare  liberamente,  dal solito sito   ( www.dante2000.it ,  alla Versione italiana,  voce "Novità" ), le "Dispense" ivi registrate.

      Una delle prove delle nuove e sorprendenti capacità derivanti dal nuovo possibile punto di osservazione,  mi è stata offerta in occasione di un mio studio sulla discussa paternità del poemetto "Il Fiore",  che diversi autorevoli critici hanno attribuito a Dante.   Ebbene,  devo dire che solamente l'adozione del  "nuovo punto di osservazione"  mi ha consentito di affrontare e risolvere il problema,  mediante la concezione di un nuovo test statistico.   L'idea alla base del test è assolutamente innovativa,  assurda secondo la mentalità tradizionale,  ma estremamente naturale dal nuovo punto di vista.
La fortuna alle volte consente che da una ricerca applicata si apra la strada ad una  ricerca di base.   Si è verificato,  infatti,  che il test,  pensato per indagare sulla paternità di un testo,  si è dimostrato utile anche in una innumerevole serie di altre ricerche,  rivolte allo studio di fenomeni diversi.   Tutto questo ha rappresentato,  per me,  una ulteriore conferma delle importanti potenzialità offerte dal nuovo punto di osservazione.

      Certamente,  nonostante i sentimenti di amicizia nei vostri confronti,  avrei evitato di parlarvi di questi argomenti nel timore di annoiarvi,  se essi non avessero un  decisivo impatto sulla politica.   Le nuove possibilità di comprensione dell'evolversi delle vicende umane e,  quindi,  le nuove capacità di previsione dei fenomeni,  oggi,  rendono impensabile l'impostazione di una qualunque strategia politica che non tenga conto degli effetti della Rivoluzione del Pensiero in atto.   Sarebbe come navigare a vista,  sprovvisti degli strumenti del caso.

      Spero di darvi,  nella prossima lettera,   qualche esemplificazione delle nuove potenzialità conseguite dalla nostra mente.

      Questo messaggio sarà registrato,  a seguito degli altri,  nel sito www.dante2000.it (Versione italiana, voce "Agli Italiani").

Cordialmente,
Alberto Acquaro                                                                   
____________________________________________________________________________________






"DANTE 2000" - Scrivania di lavoro di Alberto Acquaro

Sito a cura di Filarete S.r.l.