Scrivania di lavoro di Alberto Acquaro


Ai Democratici di Sinistra



Firenze, 29 gennaio 2005


La propria persona al servizio delle idee e non viceversa


      "La propria persona al servizio delle idee e non viceversa".   Sì,  a riflettere bene,  forse è questo l'atteggiamento distintivo della persona di sinistra.   Il rispetto delle istituzioni,  della legalità e quindi l'avversione per ogni forma di corruzione,  logiche conseguenze di questo principio,  si riferiscono ad un dovere civico e quindi alla sfera sociale,  mentre il principio citato si riferisce ad un dovere morale e quindi alla sfera individuale.

      Il forte monito di Giovanni Paolo II,  all'indomani della condanna in primo grado di Cesare Previti,  monito che ho molto apprezzato,  era diretto,  infatti,  a tutti gli uomini politici,  di destra e di sinistra. Rammentate?   Disse :   "L'uomo politico deve aborrire la corruzione".

      Il rispetto della legalità,  anche se indubbiamente molto più praticato nell'ambito della sinistra,  è una condizione solamente necessaria ma non sufficiente per poter essere considerati   "persone di sinistra",  mentre il principio citato costituisce,  a tal riguardo,  una condizione necessaria e sufficiente.

      Detto ciò,  credo che sia del tutto ovvio che le persone di sinistra debbano pretendere che i dirigenti di un proprio partito politico siano per loro natura rispettosi del principio in questione.   E' altrettanto ovvio che essi non possano limitarsi a dichiarazioni di adesione ad esso,  ma che debbano aver dato prova sicura e concreta,  attraverso i risultati dei loro comportamenti,  di viverlo in modo compiuto,  continuo ed efficace.

      Sono assolutamente certo che,  oggi in Italia,  come forse altrove,  un Partito di Sinistra guidato da una classe dirigente composta,  senza alcuna eccezione,  da persone capaci e   "autenticamente di sinistra"   (il che non significa affatto, seduti all'estrema sinistra delle aule parlamentari),   avrebbe un seguito talmente consistente da porci completamente al riparo da esperienze di cui doversi vergognare,  come nel caso di quella che stiamo vivendo.

      Concludo,  esprimendo una sentita e partecipe attenzione al mondo dei giovani di sinistra,  sulle cui spalle grava il compito di dar forza alla Sinistra Italiana.

      Avrei deciso di registrare la sequenza di questi miei messaggi a seguito della lettera che,  a suo tempo,  inviai a Massimo D'Alema   (voce "Agli Italiani" del sito www.dante2000.it ).   Cosa c'entra Dante con gli argomenti di cui parliamo?   C'entra,  eccome,  se pensiamo che le più grandi   "persone di sinistra"  che l'umanità abbia conosciuto sono stati Cristo, Dante e Gandhi e che Dante, in particolare, è oggi riconosciuto come "padre dell'Europa" e, da molti, come simbolo del mondo occidentale.

Con amicizia,
Alberto Acquaro                                                                              
____________________________________________________________________________________






"DANTE 2000" - Scrivania di lavoro di Alberto Acquaro

Sito a cura di Filarete S.r.l.